Pfister Logo


Ventilatori: la fresca brezza estiva di Pfister

Da portare con sé o fissi: nelle calde giornate estive i ventilatori sono un’autentica benedizione. Accelerano il processo di evaporazione della pelle umida dandoci un senso di refrigerio. Per fortuna, ai venerandi ventilatori a soffitto degli anni ’50 che rimescolavano stancamente l’aria nella parte alta delle stanze si sono affiancate versioni molto più mobili. Infatti, visto che a differenza dei climatizzatori i ventilatori non raffreddano l’aria circostante, ciò che principalmente fanno è dare sollievo quando si trovano o sono in funzione nelle immediate vicinanze. Le differenze di prestazioni tra i vari modelli sono notevoli. Ventilatori a piantana, ventilatori da tavolo, ventilatori portatili, ventilatori a colonna, ventilatori a torre, ventilatori da fissare con morsetti o con timer, con telecomando o senza: gli stili e i principi di funzionamento sono diversi quanto l’elenco è lungo. Il nostro consiglio: utilizzate il ventilatore anche in inverno. Rivolta verso il soffitto, la ventola porta verso il basso l’aria calda che sale verso l’alto rimescolando così gli strati di aria e aumentando la temperatura complessiva nella stanza.

Nessun rischio per le dita: ventilatori senza rotori

L’azienda Dyson è stato il primo produttore a lanciare sul mercato i ventilatori senza rotori. Un modello del genere è presente anche nell’assortimento di Pfister. Convince con il suo ottimo rapporto qualità-prezzo ed è particolarmente indicato dove ci sono animali domestici o bambini piccoli. La mancanza di rotori previene appunto il rischio più frequente di incidente con i ventilatori. Ma non è soltanto questa progettazione sicura a rendere i ventilatori senza rotori particolarmente attraenti: il loro aspetto insolito e decisamente più moderno trasforma questi ventilatori da un male necessario a un oggetto di design che abbellirà la stanza.

Ventilatori con funzione timer:

Volete raffreddare una stanza per un periodo di tempo prestabilito senza accendere e spegnere manualmente il ventilatore? In questo caso un ventilatore a piantana con funzione timer è il modello giusto per voi. Così potrete, ad esempio, rinfrescare la camera da letto la sera e prendere sonno cullati da un piacevole flusso d’aria. All’ora programmata il ventilatore si spegnerà automaticamente, così non prenderete freddo mentre dormite.

Maneggevoli: ventilatori portatili

Nei ventilatori portatili due fattori sono determinanti per stabilire se garantiscono sufficiente refrigerio in estate: il numero di livelli e, soprattutto, la durata della batteria. Infatti, se un ventilatore portatile resta attaccato costantemente alla presa di corrente chiaramente fallisce il suo scopo. Con le sue 13 ore di autonomia e i suoi tre livelli di velocità, il nostro modello è decisamente all’avanguardia in termini di mobilità e prestazioni.

Fermi e stabili: ventilatori a piantana

Un ventilatore a piantana è la scelta giusta se si vuole attrezzare stabilmente una stanza con un ventilatore. È composto da un piedistallo e da una testa e appartiene alla famiglia dei ventilatori assiali. Viene messo in funzione attaccandolo a una presa di corrente e, a seconda del modello, si regola manualmente e/o con telecomando. In molti modelli la testa del ventilatore è inclinabile, cosa che permette di distribuire ancora meglio l’aria nella stanza. Il più delle volte questa funzione di oscillazione è regolabile individualmente ma si può anche bloccare se si desidera una ventilazione lineare.

Gli specialisti del controvento: ventilatori da tavolo

I ventilatori da tavolo sono i migliori amici dell’estate, in particolare negli uffici privi di impianto di climatizzazione. Come variante in piccolo del ventilatore a piantana, si impongono con la loro struttura molto compatta e normalmente sono in vendita a un prezzo conveniente. Alcuni modelli sono dotati di una pratica funzione di bloccaggio con morsetto, così potrete posizionare il vostro ventilatore da tavolo esattamente dove vi serve per una giornata di lavoro all’insegna della produttività. Vi facciamo notare che è consigliabile utilizzare i ventilatori da tavolo solo localmente: sono ideali a contatto diretto, ma non sono abbastanza potenti per rinfrescare un’intera stanza.

Torna in Alto